Castagne, more e cioccolato..tutto in una torta.

Nov 16th

L’avevo detto che ero solo la prima ricetta, quella degli gnocchi di castagne ripieni di zucca, che finiva all’MTC di questo mese. Fatevene una ragione. Esattamente come continuano a ripetere tutti, le castagne sono buonissime e quindi scatenano la fantasia e la voglia di fare. Vi tocca.

Va bene un primo piatto. Va bene che amo gli gnocchi. Va bene pure una cosa salata. Ma io un dolce (almeno) a base di castagne lo dovevo fare.

DSC_6879_tn 1

 

In questo caso, vi dico che mi era troppo rimasto nella testa, nel cuore e nel palato il Mont Blanc dell’anno scorso, ispirato a quello di quel gran fig..ehmm..pasticcere di Michalak. In particolare, gli devo gratitudine eterna per la scoperta dell’abbinamento castagne-frutti di bosco. Quindi, mi sono detta, perché non ritentare con questo abbinamento?

Base semplice: una frolla con farina di castagna. Ma una frolla fine al palato perché costruita con lo zucchero a velo. Un pochino di cacao per gusto e colore e la base poteva andare.

Sopra la frolla un velo di crema di castagne. Su questo punto non si deve badare a spese: che sia di ottima qualità (io ce l’avevo ma potrebbe andar benissimo anche quella presentata dalla Serena). Sopra, a farcire la torta, uno strato di more.

DSC_6880_tn 1

 

Con che la completavo? Qui, il mio amore spassionato per Michelle Roux ha colpito ancora e mi sono andata a prendere una delle sue ganache al cioccolato fondente. Buona, setosa, materica. Perché ha il cioccolato e la panna. Classico direte, è una ganache. Ma ha anche il glucosio e il burro. E qui, signori, la storia cambia. Consistenze così non se vedono molto in giro (si nota che amo Roux, vero?).

Ed ecco questa tortina discreta all’aspetto ma ..mi credete se dico che riserva tante sorprese? Provatela!

Crostata di castagne con crema di castagne, more e ganache al cioccolato fondente

Prep Time: 40 minutes

Cook Time: 20 minutes

Total Time: 1 hour

Crostata di castagne con crema di castagne, more e ganache al cioccolato fondente

Ingredienti

    Pasta frolla di castagne
  • 250 g di farina 00
  • 40 g di farina di castagne
  • 10 g di cacao in polvere
  • 150 g di burro
  • 100 g di zucchero a velo
  • 1 uovo intero medio
  • Un pizzico di sale
  • Ganache al cioccolato fondente
  • 250 ml di panna fresca
  • 200 g di cioccolato di buona qualità al 60-70% di cacao
  • 25 g di glucosio
  • 50 g di burro
  • 125 g di more
  • Crema di castagne ( a gusto)

Procedimento

  1. Nella bacinella della planetaria mettere il burro, lo zucchero e amalgamare gli ingredienti in modo omogeneo, ma senza montare.
  2. Aggiungere l’uovo e il sale e mescolare.
  3. Aggiungere le farine e il caco setacciati finchè saranno amalgamati.
  4. Mettere in frigorifero per almeno 4-5 ore (meglio se per una notte).
  5. Stendere la pasta frolla fra due fogli di carta forno e ricoprire una tegliadi 20 cm di diamtero (io una più piccola più 4 tartellette)
  6. Bucherellare il fondo con una forchetta, coprire con crata forno e mettere dei fagioli (o gli appositi pesi per evitare che il fondo si gonfi).
  7. Cuocere a 170° per 25 minuti,
  8. Lasciar freddare.
  9. Per la ganache, portare ad ebollizione la panna in una pentola spessa a fuoco medio. Togliere dal fuoco, lasciar freddare un minuto, aggiungere il cioccolato tagliato a pezzettini, il glucosio e mescolare bene con una frusta fino ad ottenere una crema liscissima.
  10. Sempre con la frusta incorporare il burro a pezzetti.
  11. Distribuire sul fondo della crostata un sottile strato di crema di marroni.
  12. Tagliare le more a metà e distribuirle sulla superficie (se sono piccole, potete lasciarle intere).
  13. Versare la ganache al cioccolato fino a coprire tutte le more e mettere in frigo per almeno 3 ore.

Notes

Al tempo totale va aggiunto il tempo di riposo in frigo della frolla

http://www.cookingplanner.it/2013/11/16/torta-di-castagne-more-e-cioccolato/

 

DSC_6877_tn 1

 

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"