Il cannolo cilentano

Ott 28th

La ricotta ce l’avevo ( eh sì che avevo appena fatto i pasticciotti ricotta e pere) e anche buonissima, dato che la mia rifornitrice ufficiale, ovvero la padrona del piccolo alimentari all’angolo dove trovo le cose più impensabili a prezzi altrettanto impensabili, aveva detto sì quando le aveva chiesto se la ricotta era quella che faceva per me. Le nocciole pure…venivano dal viterbese…non erano  quelle di Giffoni ma insomma erano buone. Il miele a casa mia non manca mai, avendo un cugino produttore. I fichi erano un problema..ma tempo fa avevo fatto la marmellata di fichi (che tutto erano tranne che bianchi..come si vede dalla foto..ma in fondo era più che passabile). Strutto e cacao mi guardavano insieme alla farina e mi dicevano che tutto sommato potevo provarci: non avevo gli ingredienti di orgine cilentana, questo è vero…ma è anche vero che bisogna promuovere la globalità dei prodotti italiani, le varie zone, l’intercultura, etc etc…insomma, il cannolo cilentano s’aveva da fare. Il cannolo cilentano è uno di quei dolci creati dalla collaborazione di persone molto brave e amanti dei prodotti tipici, come Salvatore De riso e Enzo Crivella, che ti colpiscono per la loro particolarità. Insieme hanno pensato di fare un cannolo che racchiudesse i sapori del Cilento. E’ uno di quei regali che trovi in pochi locali, piccoli e accoglienti…come quando ti aspetti la torta ricotta e pere e Enzo ti propone la ricotta e fichi. Ecco…tu vai lì sperando in un cannolo siciliano e trovi il cannolo cilentano..e fortunatamente non si rimane affatto delusi! Anzi!

Il cannolo cilentano racchiude: il fico bianco del Cilento, le nocciole di Giffoni, la ricotta di capra e il miele delle montagne del parco di Diano. Piccole ma ottime produzioni, che permettono di ottenere un prodotto squisito anche se, per forza di cose, in numero limitato di “esemplari” … ma il problema non si pone! basta andare nel Cilento e mangiarselo!!!! Siccome io però ogni tanto vado in astinenza di questi dolci, ho pensato di riprodurlo, mia maniera ovviamente, dato che la ricetta resta, giustamente, appannaggio degli interessati! E l’ho elaborato usando gli ingredienti che ho trovato qui…quindi diciamo che ho fatto un lontano cugino del cannolo cilentano tanto per non perdere troppo l’abitudine al suo sapore!!!! (insomma, l’avevo fatto per il bocconotto martinese: per par condicio dovevo farlo anche per un dolce dell’altra regione estiva che frequento, eh!)

RICETTA: IL CANNOLO CILENTANO (o una cosa che gli si avvicina)

Ingredienti

Per il guscio

  • 150 gr farina 00
  • 30 gr di farina di nocciole (di Giffoni)
  • 1 cucchiaino di cacao amaro
  • 1 cucchiaio raso di zucchero a velo
  • 2 cucchiai di marsala
  • 20gr strutto fuso
  • 1 uovo + 1 tuorlo
  • 1 pizzico di sale

Per la farcia

  • 500 gr di ricotta (potendo, delle montagne del parco di Diano)
  • 2 cucchiai di marmellata di fichi (del fico bianco del Cilento)
  • 1 cucchiaio di miele (delle montagne del parco di Diano)

Procedimento

Impastare tutti gli ingredienti fino ad ottenere una massa asciutta ed omogenea, avvolgere in pellicola.
Dopo un’oretta stendere con il mattarello fino ad ottenere una sfoglia molto sottile (ca. 1 mm.). Coppare ad un diametro di ca. 10cm.

Avvolgere intorno ai cannelli, pennellare un’estremità con poco albume e chiudere facendo pressione sul bordo.
I ritagli non vanno reimpastati, ma inumiditi, sovrapposti e ristesi, come insegna Adriano. Friggere in olio profondo (deve superare leggermente la metà del cannolo) a 170°, immergendoli dal lato della chiusura.
Per la farcia, setecciare la ricotta, aggiungere la marmellata di fichi e il miele. La mancanza di zucchero fa si che il composto non sia troppo dolce e quindi regolate l’aggiunta di miele e marmellate secondo il vostro gusto e il tipo di prodotto che avere. farcire i cannoli, cospargere di zucchero a velo e mangiare subito!

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"