La prima ciabatta….

Lug 6th

…non si scorda mai!

Non avevo mai fatto una ciabatta … e per una che vive a Roma, dove di ciabatte è pieno ogni fornaio, ogni alimentari e ogni supermercato..è un record! Nel senso che mi sarebbe dovuta venire la voglia di provare prima. E in effetti ce l’avevo anche ma non era in cima alla lista delle cose da provare! Poi è successo che l’altro giorno ho visto una ricetta su un bellissimo blog americano, bread cetera, ed è stato amore a prima vista. L’autore ha voluto sperimentare un doppio inserimento di farina, doppia idratazione…e non chiedetemi perché ma ho voluta provarla subito!

Ricetta particolare, basata sull’uso del Kitchen Aid, sui suoi ganci e le sue velocità che io ho adatto al mio Kenwood. Un’avvertenza: mi si è rotta la bilancina che pesa i grammi, quindi non sono stata in grado di pesare i grammi di lievito che ho usato. Io ho quelle varie unità di misura (dono prezioso chiesto a mai sorella dall’America) e quindi mi sono regolata col mio “cucchiaino”.. appena rimedio il peso in grammi lo aggiungo!

E’ morbida, buona, profumata..adattissima alla prima colazione con burro e marmellata (garantito!!!)!

Ciabatta doppia idratazione/doppio inserimento farina

Prep Time: 1 minute

Cook Time: 35 minutes

Total Time: 1 hour, 35 minutes

Ciabatta doppia idratazione/doppio inserimento farina

Ingredienti

  • Per il Poolish
  • 190 g di Manitoba (o se l’avete una W 300)
  • 190 g di acqua
  • 1/8 tsp di lievito istantaneo
  • Per l’impasto finale
  • 310 g di manitoba (o W 300)
  • 190 g di acqua
  • 10 g di sale
  • 1/8 tsp di lievito istantaneo
  • 15 g di olio evo
  • 380 g di polis (tutto quello preparato)

Procedimento

  1. La sera prima, preparare il polis mescolando bene l’acqua, la farina e il lievito. Coprire la ciotola con pellicola e tenere a circa 20 gradi per 12 ore (ieri sera a casa mia c’erano 30 gradi!!!! Quindi ho preprato il polis verso le 11 di sera e usato alle 8 di mattina..regolatevi con le vostre temperature)
  2. Il giorno successivo, mettere il poolish nella ciotola della planetaria e aggiungere 150 g di acqua (il resto verrà aggiunto successivamente), aggiungere anche l’olio evo e cominciare a mescolare a bassa velocità con il gancio a frusta fino a ottenere un composto omogeneo (circa 2 minuti). Aggiungere 25-30 g di farina ed aumentare la velocità a 2; continuare per una altro paio di minuti. Aggiungere il resto della farina ed il lievito. Inserire il gancio a foglia e continuare a mescolare a velocità 2 per un altro paio di minuti. Coprire la ciotola con la pellicola e lasciar riposare a 22 gradi circa per 30 minuti di autolisi. Dopo i 30 minuti aggiungere il sale e l’acqua restante, facendo andare l’impastatrice a velocità 2 e mezzo per circa 7-8 minuti (l’impasto incorda molto bene, non mi ha mai dato problemi). Mettere il tutto in una ciotola leggermente oliata, coprire con pellicola e lasciar riposare per 3 ore.
  3. Passato questo tempo, versare su una spianatoia ben infarinata, dividere in due parti e dare la formatipica della ciabatta. Coprire con una ciotola le due parti e lasciar riposare un’altra ora.
  4. Io ho infornato a forno già caldo, a 230 gradi, su pietra refrattaria per 35 minuti (di cui i primi 15 con vapore).

Notes

al tempo totale vanno aggiunte tutte le ore di lievitazione, quindi le 12 per il poolish più le 4 successive

http://www.cookingplanner.it/2012/07/06/ciabatta-doppia-idratazione/

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"