Lei balla, non da sola.

Lug 9th

La Pasionaria balla. Balla per casa, balla quando siamo in macchina, balla nei negozi, balla quando camminiamo per strada. Insomma, lei balla, e non da sola, perché quando posso la seguo (limiti di decenza permettendo). Passione che aveva fin da piccola, mi ero ripromessa di segnarla ad un corso di danza appena l’età avesse permesso, e così è andata.

Questo è stato l’anno del primo anno di danza classica, giocodanza per la precisione.

Lezioni, tutulette, scarpette, chignon e forcine sono entrati prepotentemente nelle nostre vite, per la mia gioia lo confesso: ho un , piccolo, passato di ballerina anche io e mi fa un certo effetto vederla con le mezze punte. Potete anche dire che riverso le mie passioni su di lei. Forse. Sta di fatto che balla in qualsiasi posto e allora ho approfittato.

Sono passate un paio di settimane dal saggio, ho avuto il tempo di metabolizzare e ora posso raccontarlo senza lasciare la striscia di lacrime dietro di me.

DSC_0446-3_tn

 

DSC_0288-3_tn3

 

Hummm, no, non è vero, ancora mi commuovo ma ne parlo lo stesso. L’ho adorata. Tutto, dalla punta dei piedini, alla forma delle mani, dallo sguardo di preoccupazione lanciato alla compagna che non era a tempo, al pericoloso ponte fatto per far passare una bimba sotto di lei! Interpretavano delle gattine dispettose. Mai ruolo scelto fu più appropriato. Lei, spesso al centro e in prima fila, e io, mentre applaudivo che tutti i fan di Lady Gaga messi insieme mi fanno un baffo.  Praticamente come se avesse appena fatto l’assolo del cigno nero, modello Svetlana Zakharova. Gonfia di orgoglio come pochi, la guardavo mentre eseguiva i suoi passettini, le sue piccole giravolte e soprattutto mentre moriva dalla voglia di farmi un ciao ciao con la mano (ma si è trattenuta, come da ordine della maestra)! Mi lanciava solo grandi sorrisi di straforo: e io lì a crogiolarmi di tenerezza.

DSC_0743-2_tn3

DSC_0734_tn3

Anche perché, credetemi, la preparazione è stata intensissima: prove, controprove, prove generali con e senza costumi. Io, che ho la manualità di un bradipo un po’ tonto, ho dovuto anche cucirle alcune parti del tutù e applicare targhette col nome ovunque (non solo quelle adesive, no, quelle di cotone con il nome: volevo morire).

Il giorno del saggio ho avuto un’ansia da prestazione impressionante: avevo paura di scordare le varie cose necessarie, specie l’ occorrente per trucco e parrucco. Un grazie infinito va alle altre mamme, perché, diciamolo, senza di loro avrei fallito miseramente. Per tutto quest’anno, durante le lezioni, noi ci mettevamo sedute al bar a chiacchierare. Con uno sforzo di immaginazione enorme, parlvamo per il 98% del tempo delle piccole ballerine. Il restante 2% mangiavamo qualcosa. Ecco, ogni tanto portavo loro qualche dolcetto. E una delle ultime cose, portate quando l’ansia ci consumava, era il croccante di semi di sesamo, tratto dal libro Tradizione in evoluzione, di Leonardo Di Carlo, tanto per cambiare (sì, potete dirlo).

DSC_0766-2_tn3

Io lo adoro. Vale la pena tentare. In questa ricetta Di Carlo usa, come componente grassa, il burro di cacao. In altre usa il burro. A breve farò le prove, per verificare eventuali differenze!

Il croccante di sesamo

Prep Time: 10 minutes

Cook Time: 10 minutes

Total Time: 20 minutes

Il croccante di sesamo

Ingredienti

  • Sciroppo di glucosio (Di Carlo indica 38-4’ DE) 200 g
  • Zucchero semolato 250 g
  • Sesamo riscaldato (60°) 200 g
  • Burro di cacao 12,5 g

Procedimento

  1. Portare a bollore in un pentolino di acciaio doppio fondo lo sciroppo di glucosio su fuoco dolce, aggiungere poco per volta lo zucchero semolato e mescolare fino a completo scioglimento.
  2. Arrivati a 160-170°, aggiungere fuori dal fuoco i semi di sesamo, riscaldata assieme al burro di cacao (comodo con il microonde), rimestare con cura fino a completo scioglimento della materia grassa, rimettere sul fuoco finché il caramello si stacchi dai bordi.
  3. A questo ho tolto il pentolino dal fuoco e versato il composto su un foglio di carta forno. Ho coperto con un altro foglio e ho steso con il matterello fino allo spessore desiderato.
  4. Con degli stampini di metallo e un martello ho dato una prima formatura, senza staccare del tutto. Ho aspettato che tutto si freddasse bene e ho rimesso le forme. Una vigorosa martellata ha creato tutti i miei croccanti..ma anche senza forme particolari può andar benissimo

Notes

al tempo totale va aggiunto il tempo di raffreddamento del composto.

http://www.cookingplanner.it/2014/07/09/croccante-di-sesamo/

DSC_0772-2_tn3

DSC_0737_tn3

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"