Prove tecniche di Natale: cantucci

Nov 9th

Dall’invasione di panettoni e torroni  cui sono stati soggetti i supermercati vari, possiamo ufficialmente dire che i Natale sta arrivando. O almeno lo vediamo in lontananza!

Sarà che i miei figli compilano letterine per Babbo Natale da circa due settimane e che cantano Jingle Bells mentre disegnano, ma quest’anno mi sembra che l’atmosfera natalizia mi stia contagiando. Tanto che sto pensando con un pizzico di anticipo ai regali da fare a colleghi ed amici, ovvero un pacchetto di biscotti fatti in casa. E’ un classico e se lo aspettano! Fortunatamente, con piacere anche.

DSC_6867_tn 1

 

Mi son messa a pensare a cosa fare e gira che ti rigira sempre a una cosa sola andavo a finire: i cantucci.

Niente di meglio che fare delle prove con abbinamenti diversi dalla classica mandorla (che tra l’altro adoro) e ho deciso di tentare con nocciole e cranberries da una parte e noci e fichi dall’altra. Mi sono piaciuti molto quindi li lascio qui, magari qualcuno ha voglia di cantucci anche in questo caldo Novembre.

DSC_6871_tn 1

 

Una nota: tutti a proporre cantucci e vin santo o cantucci e passito, specificando di inzuppare il biscotto con professionalità. I sommelier e gli stessi produttori di vin santo in realtà inorridiscono al solo pensiero, va detto. Ma voi fate come la vostra golosità richiede!!

La ricetta l’ho presa da lei, apportando qualche piccola modifica.

Cantucci nocciole e cranberries vs cantucci noci e fichi

Prep Time: 10 minutes

Cook Time: 45 minutes

Total Time: 55 minutes

Cantucci nocciole e cranberries vs cantucci noci e fichi

Ingredienti

  • 450 g di farina 00
  • 350 g di zucchero
  • 2 uova intere
  • 3 tuorli
  • 1 uovo intero per spennellare i biscotti
  • 8 g di lievito per dolci
  • 50g. di burro fuso tiepido
  • un pizzico di sale
  • 100 g di cranberries disidratati (oppure 120 g di ficchi essiccati)
  • 150 g di nocciole (oppure 130 g di noci)

Procedimento

  1. Tostare leggermente le nocciole nel forno caldo (per le noci non è necessario).
  2. Montare molto bene 2 uova intere e 3 tuorli con lo zucchero (aggiungere alle uova un pizzico di sale) finché non diventano bianche; aggiungere il burro fuso e tiepido.
  3. Continuare a lavorare con le fruste elettriche aggiungendo man mano la farina setacciata precedentemente col lievito. Questa lavorazione da come risultato dei biscotti più friabili e 'fini'
  4. Se li preferite più compatti, rovesciate la farina sulla spianatoia e versateci dentro il composto ma non troppo montato.
  5. Unire le nocciole e i cranberries (oppure le noci e i fichi tagliati in piccoli pezzi) e mescolate bene.
  6. Se necessario, bagnando le mani con acqua fredda (non aggiungete farina) perché il composto è appiccicoso, fare 3/4 filoncini larghi ca. 3 dita e spessi 1 e disporli sulla placca del forno ricoperta di carta forno. Siccome i filoncini cuocendo si allargheranno, potete anche usare l'accorgimento di fare una piega nella carta forno fra un filoncino e l'altro in modo da non correre il rischio che si attacchino fra loro. Spennellarli con l’uovo intero sbattuto e cuocerli in forno caldo a 180°per 35-40 minuti (ma i tempi variano a seconda del forno, regolatevi).
  7. Sono cotti quando sono ben dorati e, toccandoli, si sente che i filoncini sono sodi all'interno. Farli raffreddare un po’ (altrimenti è difficile tagliarli perché si spaccano) e tagliarli, magari leggermente di traverso, allo spessore di circa 1.5 cm e ridisporli.In questo caso non li ho poggiati di fianco ma ho provato a lasciarli in piedi (attenzione all’effetto domino!!). Rimetterli in forno a biscottare a circa 130° per circa 5 minuti,
  8. Bisogna tenere presente che finché sono caldi la superficie risulta ancora un po’ morbida, ma indurisce rapidamente raffreddandosi.
  9. Una volta freddi si conservano benissimo in scatole di latta.
http://www.cookingplanner.it/2013/11/09/prove-tecniche-di-natale-cantucci/

DSC_6875_tn 1

 

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"