La torta di tagliatelle

Giu 26th

Un’amica, parlando della sua terra, l’Emilia, mi disse

“se sei in Emilia accadono cose straordinarie, perché la terra è straordinaria ma la gente lo  di più. Pensa, chiedi del formaggio e l’Emilia ti fa il Parmigiano, chiedi da Bere e ti offrono il Lambrusco. Vuoi una macchina? E loro ti tirano fuori la Ferrari e se vuoi l’aceto, allora ti inventano l’aceto balsamico tradizionale di Modena. Lo hai visto il terremoto? Bene, gli emiliani ti costruiranno una cattedrale nel Deserto”.

Forza, determinazione, passione e tanta voglia di lavorare, ecco cosa mi ispira il popolo emiliano. Un popolo che non aspetta che l’aiuto venga dall’esterno ma che agisce, si rimbocca le maniche e ricostruisce ciò che il terremoto gli ha portato via.  Però è giusto stringersi attorno a loro, fargli sentire anche il nostro affetto e rinforzarli nel coraggio. Ma non solo. Servono aiuti pratici, pochi magari, nessuno pretende tanto denaro in un periodo economicamente così difficile..ma possiamo regalare loro una pizza, un gelato, un’uscita al cinema?? Penso di sì! E magari gli emiliani investiranno questi soldi nella ricostruzione di case, campanili, strade … e anche di centri di fisioterapia e riabilitazione (e questo argomento non può che toccarmi profondamente, dato che vivo il problema, pur in maniera diversa! Se è possibile, aiutiamo il centro La Lucciola a ricostruirsi!)

Parlando  poi della cucina emiliana, una cucina di pane e di terra, ricca di gioia e di gusto, non si può non far riferimento alle rezdore, la vera e propria colonna dell’organizzazione familiare, quella che è massaia e cuoca, governante e amministratrice che racchiude in un gesto tutta la sapienza della cucina: stendere la pasta, tagliarla, accarezzarla, fare dei tortellini con il mignolo e ricominciare velocemente. Una serie di gesti netti e sicuri e tanto belli da rendere necessario consegnarli al futuro! Mi piacerebbe conoscere una rezdora, e imparare un po’ della sua arte. Per questo penso che sia importante recuperare alcune delle ricette diantica tradizione emiliana. Qui potete trovarne diverse e anche da Tinuccia oggi troverete una ricetta splendida. Io ho voluto provare la torta di tagliatelle, una torta di frolla, con un ripieno a base di mandorle e Sassolino, e ricoperta da una strato di tagliolini.

Vi lascio la ricetta, presa da qui,  con qualche piccola mia annotazione.

La torta di tagliatelle

Prep Time: 30 minutes

Cook Time: 40 minutes

Total Time: 1 hour, 10 minutes

La torta di tagliatelle

Ingredienti

  • per il ripieno
  • 200 g di amaretti
  • 300 g di mandorle
  • 250 g di zucchero
  • 1 cucchiaio di farina
  • 1 limone
  • 2 cucchiai di cioccolato dolce in polvere
  • 3 uova
  • 300 g di tagliatelline fresche fatte a mano
  • 400 g di burro (io ne ho usato 250)
  • 1 bicchiere di Sassolino
  • ingredienti per la pasta
  • 200 g di farina ‘0'
  • 50 g circa di burro
  • 2 uova intere
  • 100 g di zucchero
  • la scorza di un limone grattugiata
  • un po' di liquore Sassolino

Procedimento

  1. La torta di tagliatelle è un dolce che un tempo si preparava in occasione delle feste. Si può cominciare dalla pasta che serve per fare il fondo: si setacciano due etti di farina tipo ‘0' facendola cadere a forma di montagnetta sul tagliere. Al centro si aggiungono il burro ammorbidito, tre uova intere, lo zucchero - circa un etto - un po' di scorza di limone grattugiata, un cucchiaio di liquore Sassolino. Si impasta tutto insieme, con le mani. Quando è ben lavorata, liscia e senza grumi, si può tirare con il mattarello per ottenere un disco di pasta leggermente più grande dello stampo dentro il quale cuocerà la torta. La pasta, infatti, deve rivestire anche le pareti laterali, aderendo bene.
  2. Essendo una pasta condita – c'è il burro e lo zucchero – è un po' delicata, quindi bisogna girarla ogni tanto per tirarla meglio. Quando è della dimensione giusta, la si appoggia nello stampo che sarà stato precedentemente unto con un po' di burro.
  3. Un procedimento a parte richiede la preparazione delle mandorle, che dopo essere state sgusciate devono essere abbrustolite per qualche minuto in padella sulla fiamma dolce, senza aggiungere nient'altro. Quando sono leggermente abbrustolite si tolgono dal fuoco e si strofinano con le mani, cosí da eliminare la pelle. Quindi si tritano fini fini, possibilmente con un coltello ben affilato. è senz'altro preferibile triturarle a mano anzichè a macchina.
  4. Anche gli amaretti vanno sbriciolati e aggiunti alle mandorle. Quindi si aggiunge lo zucchero, un cucchiaio di farina che aiuta a ‘legare' il tutto, il limone, il cioccolato in polvere e tre uova. L'impasto è pronto e può essere steso sopra il disco di pasta.
  5. Per completare la preparazione bisogna preparare delle normali tagliatelline sottili-sottili, come quelle che si cuociono in brodo. Possono essere preparate anche prima, l'importante è che siano conservate in modo tale da non seccare completamente (ad esempio in frigorifero), perchè per questa ricetta servono le tagliatelline piuttosto morbide.
  6. Si procede disponendo sul fondo di pasta l'impasto a base di mandorle e, per ultime, le tagliatelline crude. Si completa con il burro – 400 grammi – che serve a cuocere le tagliatelle e un bicchiere di Sassolino versato sulla preparazione prima di infornarla.
  7. L'ideale sarebbe cuocerla nel forno a legna, aspettando che le braci si siano spente. Altrimenti si può cuocere nel forno elettrico o a gas, a una temperatura di 180 gradi. Cuoce in 40 minuti circa.

Notes

aggiungere, al tempo totale, i vari tempi di riposo dell'impasto e del ripieno

http://www.cookingplanner.it/2012/06/26/la-torta-di-tagliatelle/

E per chiudere in bellezza, ecco l’abbinamento con il vino consigliato da Luciano Pignataro:

“Per questo primo in versione dolce, così diffuso nella tradizione contadina anche in altre parti d’Italia, propongo in abbinamento lo splendido Scacco Matto Albana di Romagna Passito docg della Fattoria Zerbina. Un vino biano dolce di finezza e complessità, dal buon corpo e capace dunque di accompagnare questa ricetta.”

Volete vedere cosa fanno gli emiliani per ricominciare? Una iniziativa come questa mi ha colpito il cuore! Ecco la nascita della BIBLIOTENDA (foto gentilmente concesse da Teresa De Masi): una biblioteca in piena regola, bella allegra e colorata…e fatta sotto una tenda! FANTASTICA!

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"