Presa da insana passione…

feb 21st
tortelli 3

Quello che si dice il punto del non ritorno! E pensare che la colpa è tutta sua..o meglio colpa che di una cosa che trovai scritta in questo post, nella lista degli ingredienti: “Zucca mantovana (esigete quella, altrimenti lasciate perdere)”. La cosa che è pensato è stata:”e pare facile! Ora non mi faccio i tortelli di zucca se non trovo la zucca mantovana??? E che sarà mai?? Poi si da’ il caso che io la zucca mantovana non l’abbia mai mangiata! Però di cose con la zucca potrei camparci..sai che faccio??? ora chiedo a lei!”E fu così che domandai a Sara notizie di questa fantomatica zucca mantovana e dei suoi tortelli! E quando lei ha saputo che non avevo mai mangiato la zucca mantovana è scattato l’altolà! (secondo me ha avuto un brivido di disapprovazione  ). Mi ha detto che me la mandava altrimenti potevo sognarmi quei tortelli! E fu così che dopo qualche giorno mi sono ritrovata una sacca di iuta con dentro una delle più belle cose mai viste: una zucca piccola, tonda e leggermente schiacciata, verde con delle striature gialle e arancioni (ma il verde era il colore che prevaleva!). In quell’istante ho capito che io una vera zucca non l’avevo non solo mai vista ma anche mai mangiata! E vi posso assicurare che avevo ragione!! Innanzitutto regge la cottura in modo incredibile e poi, a differenza delle mega zucche arancioni che normalmente trovo, questa NON perde acqua!!!!!! E’ rimasta integra e con un sapore ottimo, dolce , quasi a ricordarmi da lontano la patata dolce! In pratica avrei potuto mangiarla così, senza nulla (niente a che vedere con il gusto un po’ insipido oddio-se-non-mi-condite-non-si-capisce-cosa-sia della zucca arancione “normale”)

Presa da insana passione per la zucca mantovana, mi sono preparata nell’ordine: gli gnocchi di zucca al gorgonzola, i tortelli ( o meglio il ripieno, che sta riposando) e poi, dato che volevo un dolcetto…ho preparato questi tortelli dolci! La pasta è sottilissima e croccante (senza zucchero) e contrasta bene col ripieno morbido e dolce alla zucca! La sfoglia è così sottile che accompagna il ripieno ma non lo sovrasta..sembra quasi una scusa per poter mangiare quello che c’è dentro!

Per la pasta (che ho preso da qui dato che lo trovo un impasto molto versatile) attenzioni alle dosi: io, riportando tutto a un solo uovo e quindi dividendo per 5, ne ho ricavato un bel vassoio):

Tortelli dolci di zucca mantovana

Prep Time: 2 hours

Cook Time: 20 minutes

Total Time: 2 hours, 20 minutes

Tortelli dolci di zucca mantovana

Ingredienti

  • 5 uova (da 66/68 gr) (io ne ho fatta la dose con UNO)
  • 250 gr di burro (io 50 gr)
  • 1 bicchiere di vino bianco secco (i bicchierino piccolo)
  • 1,150 gr di farina (230 gri di farina)
  • 400 gr di zucca (rigorosamente mantovana..)
  • 50 gr di amaretti secchi
  • 50 gr di nocciole tostate tritate
  • 80 gr di zucchero

Procedimento

  1. Impastare le uova, la farina, il vino bianco, il burro sciolto e raffreddato fino ad ottenere un composto liscio ed elastico, coprire e far riposare. (io ho usato il Kenwood)
  2. Tagliate la zucca a fette e cuocetela al vapore. La zucca dovrà ammorbidirsi ma non disfarsi.
  3. Passatela nel passaverdura o schiacciatela con lo schiaccia patate. Poi lasciate raffreddare. aggiungete gli amaretti ridotti in polvere (usate pure il mixer), la farina di nocciole e lo zucchero e amalgamate fino ad ottenre un impasto abbastanza omogeneo.
  4. Tirare la sfoglia molto sottilmente (ho usato l’Imperia) e ricavare dei dischi di 8 cm di diametro. Riempire con una cucchiaiata di composto e chiudere ermeticamente, facendo uscire l’aria. Friggere e, una volta raffreddati, spolverare di zucchero a velo e cannella.
Schema/Recipe SEO Data Markup by ZipList Recipe Plugin
http://www.cookingplanner.it/2012/02/21/tortelli-di-zucca-dolci/

Ora ho finito la mia zucca ..ma mi aspettano i tortelli e il ricordo di quegli gnocchi paradisiaci!!!!

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 37 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia e fermamente convinta che Joyce avesse ragione quando diceva "Dio fece il cibo, ma certo il diavolo fece i cuochi"