Parigi. Una città in cui essere felici (prima parte)

Ott 2nd

Intenzioni e coincidenze. Intenzioni, perché volevo andare a Parigi da sempre e quest’anno era quello giusto, o forse quello sbagliato. Ma non importava: era quello in cui andarci.

Coincidenze: leggere Alla Ricerca del tempo perduto e trovarsi quasi alla fine del libro proprio mentre si è a Parigi. Quando le intenzioni e le coincidenze finiscono per collidere, succedono cose strane. E così potrei quasi giurare di aver visto Albertine uscire con l’autista, per dirigersi verso il Trocadero o, imbattendomi n un vestito rosso con stivaletti pendant, sono praticamente certa di aver incontrato la Contessa di Guermantes.

Parigi è bella, bellissima. Lo sapevo, lo immaginavo ma non me la aspettavo così. E’ stata la prima città in assoluto, fra quelle che ho visto, in cui mi ci sono immaginata, in cui avrei potuto viverci da subito, di cui ho sentito la mancanza da primo passo fatto all’aeroporto, perché sapevo che dopo 5 giorni l’avrei fatto nella direzione opposta.

E sono passati dei giorni, ormai parecchi, ma ogni tanto mi sembra di essere a Marais, a girare fra quelle strade. Non so quando, ma tornerò. Ah, sì, sarete i primi a saperlo.

Che poi, diciamola tutta: cinque giorni di vacanze ma solo due e mezzo a Parigi, perché una parte consistente della famiglia ha preteso lo stesso tempo a Disneyland. Cosa non si fa per i figli.

E dire che il tempo fuggiva. Notre Dame, la prima tappa importante. Strano vederla con un cielo turchese e un sole che ricordava il nostro Sud. Dall’esterno ci è quasi sembrata allegra. I gargoyle stavano lì e avevano quasi un’aria bonaria: praticamente Albertino e La Pasionaria si sono messi a cantare tutto il Cartone con Quasimodo, mentre hanno scoperto con felicità che vendevano una medaglia in ricordo di Notre Dame. La medaglietta doveva essere nostra. Le luci e il buio della cattedrale, anche.

DSC_0015-2_tn3

 

DSC_0019-3_tn3

 

DSC_0024-4_tn3

 

DSC_0030-3_tn3

 

DSC_0029-3_tn3

 

DSC_0044-2_tn3

 

DSC_0045-2_tn3

 

DSC_0055_tn3

 

Sainte Chapelle, come si faceva a non darci un’occhiata? Armati di pazienza, siamo entrati in un posto senza mura. Solo luce colorata ovunque e comunque. E con, cosa ancora più importante, la seconda medaglia della giornata. Scopriamo quindi, che tutti i posti importanti di Parigi hanno una medaglietta fatta apposta per togliere un paio di euro ai genitori e dare tanta soddisfazione ai bambini.

DSC_0067-2_tn3

 

DSC_0077-2_tn3

 

DSC_0081-2_tn3

 

DSC_0093-4_tn3

 

DSC_0086-5_tn3

 

DSC_0087-4_tn3

 

DSC_0093-4_tn3

 

E poi, lei. Ad un appuntamento con una bella signora, potevamo mancare? No, nonostante la stanchezza, le file, e La Pasionaria che si lamentava..ma la Gioconda meritava tutto il nostro entusiasmo e la nostra ammirazione. Incantati ed emozionati. Albertino per primo. Si era preparato a questo appuntamento, cui teneva particolarmente, con tanto di libro ad hoc sull’argomento, che ha voluto leggere un paio di volte. E siamo rimasti lì a guardarla, in mezzo alla folla, dato che la signora in questione ha un mare di spasimanti, con un groppo in gola. E’ splendida, senza dubbio. E Albertino, uscendo dalla sala, mi diceva “mamma, guarda, mi segue ovunque e sembra che mi prende un po’ in giro, la vedi??”. Ci siamo persi ad ammirare le bellezze del Louvre, anche se per troppo poco tempo. Uno dei motivi per cui tornare a Parigi.

Ah, anche al Louvre l’acquisto della medaglietta era ormai d’obbligo. La collezione si accresce.

DSC_0150-3_tn3

DSC_0121-2_tn3

DSC_0133-3_tn3

 

DSC_0136-3_tn3

DSC_0159-3_tn3

 

DSC_0161-2_tn3

 

Giornata in dirittura di arrivo e stravolgimenti vari, non mi hanno impedito di mollare i derelitti in albergo e di dirigermi, praticamente correndo, verso uno dei santuari di Parigi, ovvero un negozietto che vi mostro di seguito.

DSC_0173_tn3

 

DSC_0167_tn3

Ebbene sì, Eclair de genie di Christophe Adam. E lo sdilinquimento è stato quasi pari a quello provato al Louvre. Quegli eclair vanno visti prima e portati via tutti poi. Onestamente è difficile raccontarne la bontà. Eleganza da vendere, ognuno è perfetto e costruito come una piccola opera d’arte. Nulla è lasciato al caso ma sempre curato nel dettaglio. Ed il sapore. Ecco, parliamo del sapore.

Se per caso aveste il dubbio che tale perfezione formale sia accompagnata da una certa freddezza del dolce, tanto da indurvi a pensare “ma una bella crostata non è meglio?”, no, vi posso dire che non è così. Io ne ho presi solo 4 (portandomi però dietro un altro simpatico souvenir del negozio), confezionati come potete vedere. Pensavo, con somma soddisfazione, di darmi alla pazza gioia, una volta arrivata in albergo. E invece, il resto della famiglia si era ripresa dalle fatiche del pomeriggio e non ha affatto disdegnato provare questi famosissimi eclair. C’è una certa personcina in particolare, quella più piccola e pestifera di casa, che si è letteralmente innamorata  del MIO eclair noisette, che mio non è più stato, a meno di un misero morso. Ma tutti, tutti davvero seducenti al primo assaggio. Perché diciamolo: assaggi un eclair, quasi con una punta di diffidenza, pensando a quanto saranno esagerati sti francesi e mandi giù benedicendo la mamma di Chirs Adam e trattenendo lacrime di commozione. Ma il mugolio, quello, non lo trattieni.

DSC_0176-4_tn3

DSC_0180-2_tn3

Il mio souvenir adorato era, neanche a dirlo, il suo libro, che, ovviamente, ho messo in pratica e continuerò a mettere in pratica anche in futuro.

DSC_0183-5_tn3

La volete una ricetta di Christophe Adam, tanto per concludere degnamente questa prima parte del viaggio a Parigi??Sì??

premetto: per il glacage serve una certa quantità di gelatina in polvere: io ne avevo metà e non ho voluto attendere di ricomprarla ma ho sbagliato: serve tutta!!!

Eccola qui:

Composizione:

Eclair au chocolat chuao Grand cru

250 g di pate a chux

450 g di crema al cioccolato grand cru

100 g di glacage noir

120 g di streusel al cacao

Eclair au chocolat grand crue di Chris Adam

Eclair au chocolat grand crue di Chris Adam

Ingredienti

    pate a chux
  • 160 g di acqua
  • 160 g di latte
  • 160 g di burro
  • 6 g di zucchero semolato
  • 4 g di sale
  • 8 g di estratto di vaniglia
  • 160 g di farina 00
  • 280 g di uova intere (per me 5 grandi)
  • Crema al cioccolato Grand cru
  • 40 g di tuorli
  • 30 g di zucchero semolato
  • 12 g di amido di mais
  • 205 g di latte
  • 45 g di panna fresca
  • 80 g di cioccolato fondente grand cru Valrhona (tagliato sottilmente)
  • 45 g di burro
  • Per lo streusel
  • 10 g di cacao amaro
  • 25 g di farina00 (io W 170)
  • 1 pizzico di sale
  • 30 g di zucchero semolato
  • 30 g di farina di nocciole
  • 25 g di burro in pomata
  • per il glacage noir
  • 4 g di gelatina in polvere
  • 100 g di acqua
  • 60 g di panna fresca
  • 40 g di cacao amaro
  • 100 g di zucchero

Procedimento

  1. Per la pate a choux, in una casseruola, fate sciogliere a fuoco basso il burro con il latte, lo zucchero, l’acqua, il sale e l’estratto di vaniglia. A ebollizione, versate la farina in un colpo solo e rigirate finche l’impasto non si stacchi completamente dalle pareti della casseruola. Lasciate intepidire due minuti e trasferite nella planetaria con il gancio a foglia. A velocità media, aggiungete le uova sbattute, poco per volta. Aggiungete solo quando la quantità precedente verrà assorbita. Lasciate girare la foglia per due o tre minuti e spegnete.
  2. Con una sac a poche con la bocchetta liscia, formate gli eclair su una teglia coperta di carta forno (o, meglio ancora, leggermente imburrata). Per la formatura, disegnate dei bastoncini dritti, formando un’unica linea, non eccessivamente sottile, lunga circa 11 cm.
  3. Cuocere in forno già caldo a 250° per circa 12-13 minuti. Abbassare il forno a 160° e continuare per altri 25 minuti, lasciando una fessura del forno aperta, per fare uscire l’umidità, gli ultimi 5 minuti.
  4. Per la crema, mescolare i tuorli, lo zucchero e l’amido. Fra bollire il latte e la panna e versare sul composto. Mescolare bene e riportare tutto quasi ad ebollizione. Versare la crema sul cioccolato e farlo sciogliere completamente. Attendere i 40° per aggiungere il burro tagliato in piccoli pezzi e tenuto a temperatura ambiente., coprire con la pellicola e mettere in frigo.
  5. Per lo streusel, mescolare gli ingredienti e formare delle grosse briciole. (io ho fatto riposare 15 minuti in congelatore). Mettere su una teglia ricoperta di carta forno e far cuocere a 180° per 8 minuti.
  6. Per il glacage noir, versate la gelatina nell’acqua per cinque minuti.
  7. Fate bollire l’acqua con la gelatina insieme alla panna, incorporate la polvere di cacao e lo zucchero e mescolare. Lasciate raffreddare il glacage e utilizzatelo quando ben freddo ma ancora fluido..
  8. Per riempire gli eclair, praticate sul fondo due buchi con un coltellino affilato. Con la sac a poche, infilate la bocchetta in uno dei buchi e riempite tutto l’eclair (avrete terminato quando vederete la crema comparire dal secondo buco).
  9. Tenendo l’eclair con due dita, poggiate la superficie in un contenitore dove avrete messo il glacage. Posate su un vassoio e decorate con lo streusel.
http://www.cookingplanner.it/2014/10/02/parigi-una-citta-in-cui-essere-felici-prima-parte/

 

Vi aspetto per le prossime puntate (con ricetta parigina annessa)!

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"