I tortelli alla ricotta di Iginio Massari

Feb 7th
DSC_1456

Non avevo calcolato di scrivere un altro post.

Però.

Non mi piace scrivere un post più velocemente di quanto non faccia di solito.

Però.

Sta per finire Carnevale e c’è solo un paio di giorni per friggere.

Però.

Fateli.

DSC_1459

Perché questi tortelli alla ricotta di Iginio Massari sono stati la parte golosa della giornata, presa a preparare cose per la festa di carnevale di quei due irriducibili che sono i miei figli, presa a friggere, a confezionare, a preparare i bimbi per la festa e a portarceli. Ma poi ho assaggiato loro e ho capito che avevo appena fatto the best tortelli alla ricotta ever. Ma buoni buoni.

Mi sono procurata una ricotta di pecora dal mio spacciatore di fiducia che era commovente, questo è vero. Posso solo mangiarla con lo zucchero ed è già festa..ma i tortelli compariranno spesso sulle mie tavole. Perché non li ho fatti prima? Perché?

Non lo so.

DSC_1463

Festeggiate degnamente Carnevale e seguite la ricetta di IginioSantoSubito.

I tortelli alla ricotta di Iginio Massari da Non solo zucchero, Vol II

I tortelli alla ricotta di Iginio Massari da Non solo zucchero, Vol II

Ingredienti

    Per i Tortelli
  • Acqua 500 g
  • Zucchero 25 g
  • Sale 9 g
  • Burro 250 g
  • Farina 00 (io W 260) g 450
  • Scorza di limone grattugiata 1
  • Uova 600 g
  • Per la crema di ricotta
  • ricotta di pecora 600 g
  • zucchero semolato 200 g (o 180 se la volete meno dolce)

Procedimento

  1. In un tegame fate bollire l’acqua con lo zucchero, il sale, il burro. Raggiunta l’ebollizione incorporare la farina precedentemente setacciata mescolandola in continuazione fino ad ottenere una polenta da cuocere per circa due minuti.
  2. Trasferire la polenta in una planetaria con lo scudo e incorporare la buccia di limone grattugiata e, una alla volta, anche le uova, fino ad ottenere una pasta liscia, lucida, e omogenea.
  3. Una volta che l’impasto avrà raggiunto la densità ideale, modellare su carta da forno della grandezza della pentola dove andrete a friggere ; io ho tagliato dei quadrati di carta forno, modellato con la sac a poche cinque o sei palline e rovesciato sull’olio bollente a 170°C, facendo in modo che i bignè fossero tutti sommersi nell’olio. Quando la carta si staccherà, eliminarla e continuare la frittura, facendo in modo che i bignè restino più immersi possibili (non ho l’apposita caccavella ma sarà il prossimo acquisto).
  4. Togliere i bignè, scolare e lasciar freddare.
  5. Farcire con la crema alla ricotta che avrete preparato prima mescolando zucchero e ricotta con un frullatore o con la crema pasticcera e spolverare di zucchero a velo. Anche senza farcitura e passati nello zucchero sono ottimi e dato che con questa dose ne farete a volontà, lo consiglio: metà li ho farciti e metà li ho lasciati semplici.
http://www.cookingplanner.it/2016/02/07/i-tortelli-alla-ricotta-di-iginio-massari/

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"