Perché, per 5 ore buone, ho odiato i pasticceri parigini

Gen 9th

Sono arrivata a Parigi, ormai un mese fa, che avevo in mente Il Piano. Il tempo era decisamente poco: praticamente un giorno e mezzo ma non potevo lasciarmi scappare l’occasione. La ragione ufficiale del viaggio era continuare la visita delle Chiese non viste, dei quartieri non visitati, delle zone da ripercorrere. La ragione ufficiosa era quella di rivedere i pasticceri già visti e andare a trovare quelli imprescindibili che però l’altra volta mi erano sfuggiti.

Insomma, più che commesso viaggiatore, io ho fatto il commosso viaggiatore.

E dirò di più: ad un certo punto scuotevo la testa e l’unica cosa che dicevo era che li odiavo tutti. Per capire il perché, guardate un po’ qui.

Primo giorno, prima visita: non si può non andare da Jaques Genin: la classe, quella che non ammette repliche  né concessioni alle mode del momento. Una tecnica sublime unita a tanta passione. Cioccolatini incantevoli e dolci che fanno dimenticare in un attimo le eventuali stanchezze del viaggio: una tarte citron basilic, lontana mille miglia da quella che ho provato a rifare io (con una frolla così sottile e croccante come mai avevo visto e una crema che…be, lasciamo stare); un millefoglie davanti al quale sono ammutolita e che Conticini mi perdoni, in quel momento ho pensato che fosse la migliore in assoluta. Vogliamo parlare della sua boutique, o meglio gioielleria, o meglio ancora luogo delle meraviglie? Dovete andare. Per forza.

DSC_0803

DSC_0805

DSC_0807

DSC_0810

DSC_0811

DSC_0804-2

DSC_0806-2

DSC_0813

DSC_0814

Uscita da Genin con una busta, con un contenuto prezioso che neanche fosse stato Chanel, la tappa successiva era una vecchia conoscenza, ovvero Christophe Adam (sospiro con occhi a cuore incorporato..) e L’eclair de genie. Ora, qui è cominciata a succedere una cosa. La distanza fra la prima e la seconda tappa non era certa spropositata. Eppure ho iniziato ad incontrare una serie di pasticcerie, a me sconosciute, che implicavano l’attaccare le mani alle vetrine e stare lì con la bocca socchiusa a guardare quelle cose che chiamavano semplicemente dolci.

DSC_0818-2

DSC_0819

DSC_0820

DSC_0847

Mi sono imposta di staccarmi da quelle vetrine solo perché DOVEVO arrivare al paradiso degli Eclair, ma è stata dura.

Perduta la speranza di incontrare il bel Christophe, mi sono dovuta consolare con la produzione di eclair più scintillante della capitale francese. L’eclair praline noisette doveva essere riassaggiato ma poi c’era quello al marron glacé, che con la sua lucentezza lunare invitava troppo. Mi biasimate?

DSC_0827

DSC_0828

DSC_0830-2

DSC_0829

A questo punto ero in uno strano stato d’animo. Mangiavo l’eclair al marron glacé e contemporaneamente odiavo il fatto di non averli più vicini, di non poter girovagare fra quelle vie, passare una domenica da Genin e una da Conticini, perché questi pasticceri avevano avuto l’impudenza di abitare a Parigi. Ingiusto.

Passato l’attimo di scoramento mi sono avviata alla pasticceria del caro amico di Adam, ovvero Michalak, che sempre nel quartiere di Marais, a due passi da L’ eclair de genie ha aperto la sua nuova boutique: la rissa per vedere le vetrine interne era quasi imbarazzante. E non scordiamo che Michalak e Adam sono due personaggi televisivi notissimi: non storcete la bocca perché sono molto bravi. Basta guardare Mastro Pasticcere Francia per capire che tipo di trasmissione hanno sfoderato: si imparano tante cose, è avvincente e loro sono cortesi, severi ma giusti. Spero sempre che ricominci, è l’unica cosa che ho guardato in tv l’anno scorso.

Ritorniamo da Michalak. Dolci straordinari facevano una bellissima mostra di sé ma, ormai sopraffatta, mi sono solo lasciata tentare da uno dei suoi Kosmik (ma quanto mi sono pentita di non aver preso il resto..). Quale ho preso, lo indovinate?

DSC_0835

DSC_0837

DSC_0838

DSC_0839

DSC_0840

DSC_0842

DSC_0843

La quarta tappa era stabilita; era necessario lasciare il Marais, vedere qualche passage couvert, magari mangiare  lì e camminare per tutto il quartiere latino prima di arrivare dove desideravo. Il problema, e molto serio, è che come ti muovi a Parigi incontri pasticcerie di livello altissimo. E li odio per questo.

Non lontano da Notre Dame chi c’è? Patrick Roger.

DSC_0888-2

Come si fa a non amare, scusate, odiare profondamente questo cioccolatiere? Guardate, e con la massima attenzione, vi prego, i suoi alberelli. Uno che cammina per la strada non può incontrare alberelli così, rischia un malore. Troppa bellezza tutta insieme. E vogliamo parlare dei suoi dolci al cioccolato? Meglio di no.

DSC_0883-3

DSC_0884

DSC_0892-3

DSC_0893-2

Mi sono staccata a forza da quella boutique, senza comprare nulla (e ancora mi chiedo come mai..) perché la quarta tappa mi aspettava ma vari imprevisti erano alla porta.

Neanche giro l’angolo che chi mi trovo davanti?

Pierre Marcolini. E allora ditelo. E allora capite che ho cominciato a dire che li odiavo tutti e scuotevo la testa. La gente mi guardava, lo confesso. E provavo stupore, tanto, allo stesso tempo, mi chiedevo perché solo un giorno?

Che poi, potevo non incontrare il negozio del terzo giudice di Mastro Pasticcere Francia? No, in effetti.

DSC_0905-2

DSC_0906-2

DSC_0908

Ma ero determinata: dovevo arrivare alla quarta tappa (ormai quinta o sesta, chissà, e non mi sarei più fermata.

E così sarebbe andata se a dieci metri non avessi visto l’insegna di Arnaud Larher. Il mio “nooooooo, Arnaud Larher!” dovrebbero averlo sentito anche quelli sotto la Tour Eiffel, se non sbaglio. Per dimostrare forza di volontà, coerenza e carattere, sono entrata. E stavolta ho comprato una cosa da mangiare in serata (almeno rimandare di qualche ora, dopo i dolci precedenti).

DSC_0911-3

DSC_0912-2

DSC_0913-2

Dopo vi faccio anche vedere cosa ho preso da Larher.

La tappa definitiva non era lontana, anzi. Ed ecco lì, da lontano si notava lo splendore della vetrina. E la fila fuori dei giapponesi.

DSC_0929-2

Chi poteva aver fatto una cosa così? Vi do altri indizi.

DSC_0930

DSC_0932-4

DSC_0933-3

Se anche non aveste riconosciuto  il Carrément Chocolat o il Plaisir Sucrè come si fa a non riconoscere la perfezione fatta macaron? Non ne esistono di migliori, secondo la mia personalissima opinione. Lui, Pierre Hermé.

Non so neanche spiegarvelo bene, Hermé. E’ tutto buono senza pudore. Io ho comprato due cose, una per la sera e una per la mattina successiva (capite? ho scavallato il giorno, rendetevene conto. Poi dici che non li odi) e ho passato dei minuti a chiedermi come si potesse produrre tanta bontà.

Insomma, che ho mangiato la sera?

Eccoli lì, in tutto il loro splendore: Il Montecristo di Larher e il Plaisir Sucré di Hermé.

Lampone e cioccolato uno, cioccolato e nocciole l’altro.

DSC_1011-2

DSC_1007-3

DSC_1008-4

DSC_1010-2

Splendidi entrambi. Non ci sono parole per descriverli ora, come non riuscivo a dire nulla a Parigi. Roba dell’altro mondo, che mi ha fatto desiderare di non andarmene da lì, di tornare ancora e ancora. Perché è così, quando odio qualcuno io poi voglio starci.

Però posso dirvi una cosa: il Plaisir sucré assurge a migliore dolce al cioccolato mai mangiato.

Per la colazione del giorno dopo, il botto finale: il croissant ispahan di Hermé. Il migliore dei croissant possibili ( Leibniz, con il suo migliore dei mondi possibili, l’aveva scritta meno volte di me in questo post, questa frase).

Praticamente mi sono sentita una nullità, pensando ai miei di croissant ma lui è davvero troppo oltre, devo farmene una ragione: Hermé, non è umano.

DSC_1014-2

DSC_1015-2

Mi può essere mosso un grosso rimprovero: quello di non essere passata da Conticini, alla sua Patisserie des reves. Lo so, è grave. L’unica scusante è che c’ero già stata e che era davvero troppo lontana per quel poco tempo.E non dimentico che la dovrò visitare la nuova boutique che sta per aprire Yann Couvrer (farà una carriera lampante, questo ragazzo).

Ma il rimorso ce l’ho. Per tentare di sentirmi meno in colpa, vi lascio la ricetta del cioccolato caldo proprio di Conticini, l’unico che non ho visitato (capite bene che bisognerà ritornare a Parigi).

La cioccolata calda di Philippe Conticini (da Sensation)

La cioccolata calda di Philippe Conticini (da Sensation)

Ingredienti

  • Cioccolata fondente 170 g (cioccolato fondente al 70%)
  • Cioccolato al latte 30 g (cioccolato al latte 40%)
  • Latte parzialmente scremato 450 g
  • Panna fresca 50 g
  • 50 g di pralinè mandorle e nocciole (io uso quello Valrhona)
  • 1 pizzico di fior di sale
  • 1 bacca di vaniglia

Procedimento

  1. Tagliare in pezzetti i due tipi di cioccolato e versarli dentro una ciotola e aggiungere il pralinè e il pizzico di fior di sale.
  2. Portare a ebollizione il latte con la panna e i semi di vaniglia, versarli sul cioccolato e mescolare energicamente finché si sciogla tutto il composto. Versare in tazze e decorare a piacere con panna montata.
http://www.cookingplanner.it/2016/01/09/perche-per-5-ore-buone-ho-odiato-i-pasticceri-parigini/

 

Potrebbero interessarti anche...:

About the Author,

Maria Grazia Viscito, alias Caris, 39 anni, ingegnere, di Roma, con una grande passione per il cibo e la fotografia, cucina "per legittima difesa"